Dopo la mostra diffusa nei negozi del centro storico di Lucca, la partecipazione al Festival della Sintesi,
la presenza all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola nel contesto dell'edizione di Nobìlita, il festival della Cultura del Lavoro,
il progetto APPANNATI è stato ospitato dal Festival RI-CONOSCERE L'AMBIENTE nell'Accademia dei Fisiocritici, a Siena.
Quale sarà la prossima tappa?
Il progetto APPANNATI è stato ospitato nell'ambito del Festival RI-CONOSCERE L'AMBIENTE nell'Accademia dei Fisiocritici, a Siena.
I ritratti sono stati esposti all'interno del Museo di Storia Naturale, con un allestimento dedicato all'interno delle gallerie, un modo per parlare di tempo trascorso e di momento presente, fissare storia e storie.
La presenza all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola nel contesto dell'edizione 2021 di Nobìlita, il festival della Cultura del Lavoro,
ha associato il progetto al momento di riflessione sulla condizione lavorativa in tempo di Covid 19. L'autodromo con la sua pulsione verso il dinamismo e l'accelerazione è stato un contesto segnato dal forte desiderio di ripartenza.
 
Dal 24 al 31 Luglio la mostra APPANNATI è stata ospite al Festival della Sintesi, nella stupenda cornice della Chiesa di San Cristoforo, a Lucca.
Le foto piene di colore hanno dialogato con la sobrietà dell'ambiente e durante la serata del convegno dedicata al tema "LA PANDEMIA IN SINTESI" il progetto è stato presentato al pubblico presente.
 
Dal 15 al 31 Maggio 2021 in 20 negozi del centro storico di Lucca, con il patrocinio di Confcommercio, i ritratti di APPANNATI
sono stati protagonisti delle vetrine. Grazie a un QR code presente sulle vetrofanie esposte in ogni esercizio commerciale è stato possibile conoscere la mappa di tutta l'esposizione e muoversi alla scoperta dei soggetti e delle storie.