La pandemia ha cambiato la nostra vita, stravolgendo abitudini e percezioni e modificando i nostri gesti di tutti i giorni.
In questa rinnovata quotidianità, infatti, molti di noi indossano un paio di occhiali che l’utilizzo della mascherina immediatamente rende difficoltoso:
le lenti si appannano impedendoci di vedere ciò che abbiamo davanti.
Il progetto artistico nasce dall’osservazione di questo disagio momentaneo:
la difficoltà di vedere quello che abbiamo davanti che diventa la difficoltà di vedere nitidi i contorni del nostro futuro.
“Gli appannati”, testimoni e testimonial involontari di questo momento storico,
nella lettura del fotografo Marco Pignatelli hanno, però, uno sguardo forte e diretto negli occhi dello spettatore, uno sguardo che testimonia la voglia di tutti noi di tornare presto a vederci chiaro.
Una palette di colori vivaci, riflette la fiducia in un futuro luminoso, trasformando immagini apparentemente di denuncia in simboli di speranza, in un messaggio positivo di ottimismo, di ritrovata forza, di vicina ripresa.
L'intento di progetto è quello di stimolare nuovi soggetti ad autocandidarsi per diventare protagonisti, creando una comunità di "Appannati" e dando vita a una seconda fase, una vera e propria mostra collettiva digitale. Ogni persona che ha provato e prova questa sensazione temporanea di offuscamento, ma che ha voglia e fiducia di guardare al futuro, è chiamata a mandare la propria foto e a condividerla su instagram @appannati.it.
A tutti chiediamo "Cosa ti manca per tornare a vederci chiaro"?
Dal 15 al 31 Maggio nel centro storico di Lucca APPANNATI sarà anche una mostra fotografica diffusa, concepita appositamente per rendere il percorso interattivo coinvolgendo gli spazi commerciali colpiti dalla crisi del Covid-19. Ai commercianti verranno distribuite le vetrofanie con il QR Code che linka al progetto e che permette inoltre di visitare la mostra di negozio in negozio.
La mostra sarà poi ospitata all'interno di alcuni festival e manifestazioni sul territorio italiano, in un percorso in divenire.
 
APPANNATI è nato da un'idea di Paola Marchini e Marco Pignatelli, con la preziosa collaborazione di Samuele Cosentino